23 Novembre 2015
A cura di BRUNACCI MARCO
La maggior parte degli operatori, attualmente, pone la portabilità delle numerazioni dell'utente come condizione essenziale per l'adesione a qualunque offerta inerente la linea telefonica o la rete dati.
 
Cosa succede, però, quando non si è soddisfatti del servizio di cui si va ad usufruire o quando non si vede rispettato quanto promesso in fase di contrattazione? Spesso, si è inevitabilmente costretti a rimanere legati all'operatore in questione, a causa dei costi di attivazione sostenuti (il più delle volte non rimborsabili), delle aggiuntive spese per la disdetta e delle penali per la chiusura del contratto prima dei termini previsti (mediamente 12 o 24 mesi).
Tuttavia, l'impedimento più importante è rappresentato dalla paura di perdere il proprio numero storico, quello posseduto da parenti, amici e conoscenti, nel caso dei semplici privati, oppure da clienti, fornitori e soci nel caso, ben più grave, delle realtà aziendali, i cui contatti sono riportati su elenchi telefonici, manifesti pubblicitari, biglietti da visita e siti web.

La Number Portability verso il VoIP


OpenVOIP elimina
a monte questa problematica, offrendo ai suoi utenti la possibilità di decidere solo in un secondo momento se effettuare o meno la Number Portability del proprio vecchio numero fisso. 
Inoltre, va ricordato che l'offerta elaborata dall'operatore VoIP non prevede una durata minima del contratto, né costi particolari per quanto riguarda la richiesta di disdetta dello stesso.
 
In fase di attivazione, viene sempre fornita una nuova numerazione geografica, ovvero contraddistinta dal prefisso relativo al distretto di appartenenza, che può essere utilizzata per effettuare e ricevere chiamate. In questo modo, si ha la possibilità di testare il nuovo servizio di telefonia telefonica per tutto il tempo desiderato, mantenendo attiva anche la vecchia numerazione.
Eventualmente, si potrà scegliere di non richiedere affatto la portabilità e continuare a conservare entrambe le numerazioni.
 
Qualora, al contrario, si dovesse scegliere di richiedere la portabilità, sarà sufficiente accedere all'area clienti di OpenVOIP utilizzando i dati di accesso personali forniti in fase di attivazione e compilare il form online nell'apposita sezione. Una volta inviata la richiesta, si riceverà tramite e-mail un documento per il consenso all'operazione in formato PDF, da stampare, firmare e rispedire ad OpenVOIP, tramite posta elettronica o fax. 
 
Lo svolgimento del processo di portabilità prevede diversi fasi, ognuna delle quali viene notificata all'utente per aggiornarlo sull'avanzamento della sua richiesta. Nello specifico, il cliente riceve segnalazioni relative a: presa in carico della domanda, sblocco del numero, indicazione della data prevista per l'espletamento della richiesta e di quella prevista per la sua chiusura e, infine, avviso della conclusione della procedura.
 
In circa 10 giorni lavorativi, la numerazione viene portata nel circuito di OpenVOIP: una volta divenuta visibile all'interno del proprio pannello di controllo, il processo di migrazione del numero dal vecchio gestore di telefonia tradizionale al nuovo provider di fonia VoIP potrà essere considerato completato.
 
Va ricordato che l'operatore uscente ha facoltà di rifiutare la richiesta o di rimodulare la data di espletamento della pratica, appellandosi a diverse clausole: non validità del codice di migrazione indicato, erroneità della tipologia di linea selezionata, numerazione incompleta, non reperibile o, ancora, presenza di una variazione amministrativa su di essa.
Proprio per evitare di incorrere in questo tipo di problematiche, è importante fare molta attenzione ai seguenti dati durante l'invio della richiesta per la portabilità: 
  • codice di migrazione (composto da: Codice Segreto + Codice Risorsa + Codice Servizio + Carattere di Controllo)
  • tipologia della linea (ISDN, VOIP o Analogica)
  • eventuale allegato dell'ultima bolletta telefonica ricevuta.
È fondamentale che l'utenza in questione non sia interessata da sospesi amministrativi di alcun tipo (come pagamenti insoluti o variazioni di contratto). Inoltre, è consigliabile evitare di inoltrare la richiesta di disdetta del vecchio contratto prima di aver completato la procedura di portabilità: il gestore uscente potrebbe infatti decidere di dismettere la numerazione prima della data prevista per l'espletamento del processo, facendo inevitabilmente perdere qualsiasi diritto su quel numero.

Casi particolari

Esistono una serie di casistiche che richiedono passaggi aggiuntivi affinché la procedura di portabilità possa essere completata in tempi rapidi e senza correre il rischio di alcun disservizio.
 
  1. Number Portability di una numerazione analogica/VoIP. Si tratta del caso precedentemente affrontato, ovvero quello più generale.
  2. Number Portability di una numerazione primaria ISDN. La procedura non differisce da quella della portabilità analogico/VoIP, se non per la diversa tipologia di linea, che dovrà essere indicata durante la fase di inoltro della richiesta. La portabilità di un numero primario non implica necessariamente anche quella delle numerazioni ad esso collegate, in più, dopo il passaggio al VoIP, l'utenza potrà ulteriormente essere convertita in analogica.
  3. Number Portability di una numerazione secondaria/aggiuntiva ISDN. Sfortunatamente, non è possibile effettuare la portabilità di un numero secondario ISDN senza prima effettuare quella della numerazione principale.L'unica soluzione consiste nel richiedere tante portabilità quante sono le numerazioni secondarie totali, includendo, naturalmente, anche quella primaria. Una volta completato il passaggio al VoIP, ciascuna numerazione risulterà essere slegata dalle altre: si potrà quindi scegliere di conservare quelle ritenute di interesse e chiedere la disattivazione per tutte le altre.
  4. Number Portability di una numerazione primaria ISDN e delle sue numerazioni aggiuntive. La procedura implica la richiesta della portabilità per la numerazione principale, specificando l'esistenza di quelle aggiuntive e la tipologia di linea. È necessario indicare il codice di migrazione di ciascuna utenza e specificare i numeri geografici di appoggio che verranno utilizzati. Al termine del processo, a ciascuna vecchia numerazione corrisponderà una nuova utenza VoIP, del tutto indipendente dalle altre.
  5. Number Portability di un arco di numerazioni ISDN con selezione passante GNR. Con il termine “arco di numerazioni” si intende una serie di numeri che presentano la medesima breve radice e che sono differenziati solo da poche cifre finali, che indicano i diversi interni. Si tratta di una soluzione tipicamente adottata nelle grande aziende, dove la radice del numero corrisponde all'utenza del centralino e tutte le altre numerazioni ai singoli uffici o postazioni di lavoro. Il vantaggio di questo sistema sta nel fatto che conoscendo l'interno desiderato, è possibile bypassare il centralino, componendo direttamente le cifre del numero breve, seguite da quelle che identificano il contatto desiderato. È possibile effettuare la portabilità da ISDN a VoIP dell'intero arco oppure solo di determinati interni, ma, in questo caso, la procedura risulta essere piuttosto articolata e deve essere attentamente pianificata con il nuovo operatore. Viceversa, si può accelerare la procedura effettuando la portabilità di singole numerazioni, che continueranno ad essere sempre raggiungibili dall'esterno. Tuttavia, si andrà a perdere la ramificazione della selezione passante, dal momento che le nuove utenze VoIP risulteranno essere slegate le une dalle altre.

Contratto linea analogica e ADSL

Spesso, sulle numerazioni fisse sono attivi anche servizi per la connettività dati. È importante tenere a mente che quando si effettua la portabilità, il gestore uscente disattiva tutti i servizi legati alla numerazione in questione.
La soluzione a questa problematica consiste nell'attivazione di una nuova linea dati. Il consiglio è quello di optare per una formula che non preveda l'accesso alla linea analogica e, di conseguenza, il pagamento di alcun canone.
Una volta completata la portabilità, sarà possibile utilizzare la sola rete dati sia per navigare sul web, che per ricevere ed effettuare telefonate con il proprio numero storico, sfruttando la nuova utenza VoIP. 
A questi vantaggi, si potranno aggiungere quelli relativi all'utilizzo di un servizio di centralino virtuale professionale come quello proposto da OpenVOIP, che consente di gestire più linee in ingresso contemporanee e molteplici interni (intesi come postazioni telefoniche), senza dover sostenere gli onerosi costi per l'acquisto dell'hardware o quelli relativi ai canoni delle numerazioni aggiuntive e alla borchie ISDN.